La prima immagine è stata erroneamente utilizzata su diverse piattaforme social per mostrare l’alto numero delle morti #Covid nella provincia di #Bergamo pur essendo stata scattata, in realtà, nell’Ottobre 2013 a #Lampedusa.

Mentre riflettevo sull’analogia del trattamento della #morte nel contesto di emergenze diverse, nello specifico emergenza sanitaria e migratoria, ho scoperto questa attribuzione erronea (in alcuni casi forse volontariamente erronea, “tanto chi se ne accorge?!”).

La numerizzazione delle morti, l’anonimizzazione della morte, la morte iconizzata nell’oggetto-bara priva di una contestualizzazione umana precedente e posteriore inquadrano la condizione di morte nello stato di emergenza tanto migratoria quanto sanitaria.

L’utilizzo nei mesi scorsi di un’immagine erronea rispetto al contesto cui è stata attribuita mi è allora sembrata un’evidente conseguenza di tale analogia sul piano estetico-narrativo.

Immagini: 1- Lampedusa 2013 – Ansa; 2- Ferrara 2020 – Ansa

#emergenza, #covid19, #coronavirus, #sarscov2, #crisi, #architettura, #architecture, #urbanism, #urbano, #spazio, #stateofemergency, #assembramenti, #arch, #archie, #callforsubmissions, #callforproposals, #callforprojects, #blog, #2020, #virus, #pandemic, #pandemic2020, #architect, #architectures, #architecture, #magazine

assembramenti.rvst@gmail.com

è uscita la prima rivista di assembramenti

ZERO